Giù la maschera

La pubblicità  in tv si mostra per quello che veramente è durante la programmazione estiva e notturna, nelle televendite e nei “media shopping”. In questa fascia la pubblicità  si toglie la maschera della pulizia grafica, delle head-line intriganti, delle fotografie d’artista, delle body copy ben scritte e si rivela per quello che realmente è: un’arte da imbonitore, da piazzista, agrressiva, violenta, minacciosa. Altro che USP, target mirato! Il concetto è solo uno: se non compri – e subito – quello che ti propone sei un cretino, un disperato, una nullità.

Share on Facebook

Lascia un commento